Lo strano caso delle maglie ‘vuote’ di Lazio e Roma

Lo strano caso delle maglie ‘vuote’ di Lazio e Roma

Il calcio moderno è in primis una questione di business, contratti ed accordi di patrocinio, senza i quali le società possono davvero poco, soprattutto nella selva della compravendita dei calciatori, la principale risorsa per raggiungere il successo sportivo ed economico. In questo contesto, Lazio e Roma spiccano come le due...
Attualità
Il belga volante

Il belga volante

A fine agosto Dries Mertens irrompeva in uno stregato Pescara – Napoli salvando la squadra di Sarri da una sconfitta clamorosa. La sua entrata, insieme a quella di Milik per Gabbiadini, aveva dato una scossa agli azzurri e da quel momento in poi sia lui sia il centravanti polacco sarebbero stati titolari inamovibili, fino all’infortunio...
Meno male

Meno male

Il Comune della capitale ha bocciato il progetto del nuovo stadio della Roma. Fortunatamente, ci sentiamo di sostenere. Anche perché sarebbe stato oltremodo difficile per il sindaco Virginia Raggi spiegare il sì allo stadio dopo il no alle olimpiadi. E non perché la società giallorossa non abbia il diritto di costruire il suo nuovo campo di pallone....
Aristide Bancè alla scoperta del mondo

Aristide Bancè alla scoperta del mondo

Se si potesse tracciare una linea tra tutte le città in cui ha giocato Aristide Bancè la lunghezza sarebbe di oltre 50.000 km. Dodici paesi diversi, diciannove città, tre continenti. Calciatore giramondo, avventuriero, zingaro. O come piace definirsi a lui “globe trotter”. Fermo non ci sa stare. In campo, dove gioca da attaccante, e nella...
Aliou Cissè, leone del Senegal

Aliou Cissè, leone del Senegal

Nei corridoi del centro tecnico del Senegal i muri sono tappezzati di scritte: “Un popolo, un fine, una volta”, oppure “Un vincente affronta il problema, un perdente gli gira intorno e non lo affronta mai”. A tutte Le latitudini il vincente ha lo stesso DNA. E Aliou Cissè è un vincente. Perché quando a 26...
Orsai

Orsai

Ripartire non è mai facile, soprattutto dopo le vacanze di Natale, quando il peso massimo delle cene susseguitesi senza tregua allenta i sensi e schiaccia la creatività. Ma prima o poi bisognava farlo e, visto che IlCatenaccio.es compie cinque anni, era anche giusto tornare a dare un segno di vita e di resistenza. Ed è quindi per...
Ezio Pascutti, il sorriso del gol

Ezio Pascutti, il sorriso del gol

C’è stato un tempo in cui, nel calcio, contava più la sostanza che l’apparenza. Quando le maglie andavano dall’1 all’11, e non avevano nome né sponsor. Quando si esultava senza proteste, scritte o gesti. Si gridava, si correva. Si rideva. Per chi l’ha visto giocare Ezio Pascutti era soprattutto il sorriso dopo il gol. Un...
Quel primato natalizio che significa scudetto

Quel primato natalizio che significa scudetto

Quando a fine luglio la voce clamorosa di Higuain dal Napoli alla Juventus diventò ufficiale è come se avesse al contempo certificato una seconda sentenza: il sesto e storico Scudetto di fila dei bianconeri. Rafforzata la Vecchia Signora e, soprattutto, pesantemente indebolita una delle pochissime vere rivali delle zebre negli ultimi anni. Se ciò era...
Che succede, Pep?

Che succede, Pep?

L’arrivo estivo in pompa magna nella Academy del City somigliava a una festa. Nella città di gruppi musicali storici come Joy Division, Oasis, Smiths e via discorrendo, Pep Guardiola dava il via a un riff rivoluzionario con il tentativo di trasformarlo, pian piano, in un assolo. Oggi, pochi mesi dopo, la sua melodia armoniosa continua a...
L’ultimo derby di Testaccio

L’ultimo derby di Testaccio

La nave Oceania ci mise quattro giorni per arrivare a Napoli dall’Argentina. Ad attenderla, il 28 febbraio 1938, ci sono i dirigenti delle squadre di calcio di mezza Italia. C’è anche Igino Betti, presidente della Roma, accompagnato dall’allenatore Guido Ara. Sperano di scovare il colpo di mercato per il salto di qualità. Non sanno che...